La lettera sulla Felicità di Epicuro


Epicuro, fondatore della scuola filosofica ellenistica detta Il Giardino, scrive nella sua Lettera a Meneceo dello scopo fondamentale della filosofia, intesa come ricerca della felicità e quadrifarmaco per curare le quattro paure degli uomini: la morte; gli Dei; il dolore; la difficoltà di procurarsi piacere. In questo commento all'epistola c'è, di fatto, tutta la saggezza del filosofo del "vivi nascosto". La sua ricerca di felicità è in un piacere lungi dall'essere semplice edonismo. La sua pratica della filosofia ci insegna da sempre l'amore per la parsimonia, contro lo spreco e il lusso volgare. Solo il tornare ad una vita semplice può garantire all'uomo la felicità, come piacere senza dolore fisico, né turbamento spirituale. 

Di cosa c'è bisogno, per voi, per essere felici?

Commenti

  1. pietro u' scurz12 aprile 2013 08:48

    c'è bisogno di essere felici interiormente,l'ideale di felicità non bisogna cercarlo nei beni materiali e terreni

    RispondiElimina
  2. Michele Di Biccari12 aprile 2013 08:51

    Secondo me per essere felici bisogna avere qualcuno che ti faccia stare bene, che sia un amico o altro.
    Non conta tanto il piacere materiale, ma l'affetto, l'amicizia e perché no, anche l'amore!

    RispondiElimina
  3. La felicità è un sentimento nettamente soggettivo. A volte si ha una visione leopardiana e si associa la felicità alla fine del dolore o alla speranza di un futuro evento lieto. Secondo me la felicità può scaturire anche da piccoli gesti, da cose semplici. Basta stare bene con se stessi e con i propri familiari, avere amici su cui contare e magari una persona speciale al proprio fianco per essere felici. Albano cantava: ” Felicità è un bicchiere di vino con un panino”, e a mio parere aveva pienamente ragione. Certo, nella vita non mancano "incidenti di percorso" ma anche questi servono. Grazie ad essi si cresce, si diventa più forti e anche la nostra felicità, messa alla prova dai vari ostacoli, diventa più stabile e saldamente ancorata alle cose davvero importanti, tralasciando le futilità.

    RispondiElimina
  4. Io penso che basti poco per essere felici. Anche secondo me, come Epicuro, la felicità deriva dall'assenza di dolore, ma anche dall'accontentarsi delle piccole cose. Infatti non c’è bisogno di vivere nel lusso e soddisfare qualsiasi desiderio abbiamo per essere felici. Una cosa importante è anche l’amore, non solo quello di coppia, ma anche quello verso la famiglia e gli amici. Questi possono renderti felice, starti accanto nel momento del bisogno, senza la necessità di possedere qualcosa di materiale.
    Si dice che i soldi non facciano la felicità. La penso alla stessa maniera, perché la cosa importante è avere qualcuno sempre accanto e il denaro è solo qualcosa che può aiutarti in alcune situazioni.

    RispondiElimina
  5. noi adolescenti viviamo in un mondo dove la parola ''felicità'' è sinonimo di ''ribellione'' e per questo riteniamo opportuno fare ciò che è sbagliato ,ciò che è fuori dal comune e che molto spesso porta anche a conseguenze negative. Secondo me essere felici vuol dire stare bene con noi stessi e poichè ritengo che non esista felicità se c'è solitudine ,stare bene anche con gli altri. Spesso noi non ce ne rendiamo conto ma la felicità si trova nelle cose più semplici, quelle che si trovano nella quotidianità e che molte volte diamo per scontate.

    RispondiElimina
  6. Gli Epicurei cercano soprattutto la felicità, mentre per gli Stoici è fondamentale la virtù (attraverso la quale si raggiunge poi anche la felicità)...per voi nella vita è più importante essere felici o essere virtuosi o le due cose possono coincidere non escludendosi reciprocamente?

    RispondiElimina
  7. Ritengo la felicità più importante dell'essere virtuosi ma solo se la felicità che si ottiene è una felicità duratura o, meglio ancora, eterna in quanto una felicità non duratura non può che essere una felicità falsa o fondata su false emozioni.

    RispondiElimina
  8. c'è qualquadra che non cosa...

    RispondiElimina
  9. La felicità di certo non è un bene materiale , non è qualcosa che si possa comprare con il denaro , o qualcosa che si possa avere in qualsiasi momento della nostra vita . Secondo me la felicità non dipende soltanto da se stessi , ma per il raggiungimento della felicità bisognerebbe tenere conto anche di chi e di ciò che ci sta intorno.
    Basti pensare alle amicizie , agli amori , alle emozioni che si provano sopratutto durante l'adolescenza e sono proprio questi a dare ad un ragazzo la "vera" felicità . Quindi come ci diceva Epicuro i piaceri "raffinati" ( il potere , la gloria e la ricchezza ) compromettono l'atarassia e quindi solo il tornare a svolgere una vita semplice può donare agli esseri umani la felicità.

    RispondiElimina
  10. Secondo me l'essere felici e l'essere virtuosi possono coincidere perchè avere delle virtù può portare ad uno stato di felicità ; poichè le virtù sono appunto delle caratteristiche particolari e positive di un essere umano,e queste positività possono portare ad una buona considerazione dell'uomo che quindi vive in maniera felice!

    RispondiElimina
  11. Io penso che dalle virtù debba necessariamente scaturire la felicità. Se si agisce seguendo il bene non si potranno fare scelte sbagliate. In questo modo le tue scelte ti porteranno ad essere sereno, a non provare dolore e di conseguenza ad essere felice.

    RispondiElimina
  12. Oggi andiamo a pizzare la pizza in mangeria

    RispondiElimina
  13. ragazzi avete le slacce scarpate...

    RispondiElimina
  14. Secondo me la Felicità è uno dei sentimenti più importanti, la felicità come se fosse antani è più importante della terapia tapioco virtuosa..
    Con fuochi fatui perdunque aggiungerei che l'obbiettivo umano, secondo un principio di scappellamento a destra è la felicità, come appunto cercano i saggi epicurei...

    RispondiElimina
  15. Credo che le due cose possano convivere senza problemi perchè essere virtuosi non implica un impedimento della felicità anzi in alcuni casi premia l'individuo ed inoltre ritengo che la felicità non sempre derivi da qualcosa di "proibito" cosa che in giovinezza purtroppo si verifica mo lto spesso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io avrei azzardato un paragone bigalato tra felicità e virtù!!

      Elimina
    2. e stai piu attento alla grammatica!!

      Elimina
  16. Essere felici o essere virtuosi? In un primo momento sicuramente risponderei che le due cose possono coincidere non escludendosi reciprocamente, riprendendo il pensiero stoico secondo il quale il comportamento virtuoso, risultato del conseguimento della liberazione ascetica dalle passioni, è di per sé portatore di felicità. In seguito è inevitabile pensare anche ad altro, infatti spesso avere molte conoscenze, essere virtuosi ed intelligenti non porta alla felicità anzi, ti allontana da essa. Si suol dire:"Beata ignoranza", cioè meno sai e più sei felice. Il mio pensiero dunque non è univoco, ma tirando le somme penso che preferirei essere virtuosa pur essendoci la probabilità di non essere felice invece di ignorare tutte le virtù.

    RispondiElimina
  17. Secondo me, la felicità e la virtù possono coincidere tra di loro perché dalla virtù scaturisce anche la felicità. La virtù deve essere perseguita per un dovere morale, eseguendo tutto ciò che permette di raggiungere la virtù, ne consegue la felicità.

    RispondiElimina
  18. Secondo me la felicità e la virtù possono coincidere, ma questo non accade sempre poichè molte volte il sapere porta anche alla non felicità.a mio parere quest'ultima è più importante poichè ci porta a una situazione di benessere interiore mentre non sempre questo accade con la virtù perciò preferisco essere felice e ignorare alcune virtù.

    RispondiElimina
  19. penso che la virtù possa coincidere con la felicità,poichè è proprio attraverso la virtù che andiamo alla ricerca di ciò che ci fa star bene con le persone che ci circondano

    RispondiElimina
  20. Io penso che nella vita sia più importante essere virtuosi che felici. Nella vita anche la felicità è importante, felicità che deriva da vari ambiti, ma la virtù può aiutare a scegliere il bene.Però le due cose possono anche coincidere non escludendosi reciprocamente perchè, come dicono gli Stoici, attraverso la virtù si può essere felici.

    RispondiElimina
  21. Dunque, o il desiderio della felicità dev’esser la causa movente per la massima della virtù, o la massima della virtù dev’esser la causa efficiente della felicità. Il primo caso è assolutamente impossibile; perché (come si è dimostrato nell’Analitica) le massime che pongono il motivo determinante della volontà nel desiderio della propria felicità non sono affatto morali, e non possono fondare nessuna virtù. Ma il secondo caso è anche impossibile, perché nel mondo ogni connessione pratica delle cause e degli effetti, come conseguenza della determinazione della volontà, non si conforma alle intenzioni morali della volontà, ma alla cognizione delle leggi naturali e al potere fisico di usarle per i propri fini, e quindi nel mondo non si può attendere nessuna connessione necessaria e sufficiente pel sommo bene, della felicità con la virtù, mediante l’osservanza esattissima della legge morale.

    RispondiElimina
  22. la virtù e la felicità nella nostra vita sono in stretto contatto tra loro perchè da una ne può derivare l altra infatti penso che vivere seguendo la virtu possa farci vivere la vita in modo più felice...

    RispondiElimina
  23. La terapia tapioca, come se fosse antani con scappellamento è fondamentale per la virtù dei saggi stoici, ma per gli epicurei tutto deriva dai fuochi fatui, con la spiliguda, per addirittura septa o quintana, si è sempre pensato ciò. Ma da circa sentordici anni, la drinis ha fatto il suo effetto, diffondendo la boldi e la vusdo come idea principale per la felicità.

    RispondiElimina
  24. La prima delle due proposizioni, e cioè che la ricerca della felicità produca un motivo d’intenzione virtuosa, è falsa assolutamente; ma la seconda, e cioè che l’intenzione virtuosa produca necessariamente la felicità, non è falsa assolutamente, ma solo in quanto vien considerata come la forma della causalità nel mondo sensibile, e, quindi, se io ammetto l’esistenza in esso come l’unico modo di esistenza dell’essere razionale; dunque, è falsa solo in modo condizionato. Siccome, per altro, non solo ho il diritto di concepire la mia esistenza anche come noumeno in un mondo intelligibile, ma nella legge morale ho anche un motivo puro intellettuale determinante della mia causalità (nel mondo sensibile), così non è impossibile che la moralità dell’intenzione abbia una connessione, se non immediata, almeno mediata (mediante un autore intelligibile della natura), e invero necessaria come causa, con la felicità come effetto nel mondo sensibile; il quale legame, in una natura che è semplicemente oggetto dei sensi, non può mai aver luogo in altro modo che accidentalmente, e non può bastare pel sommo bene. Dunque, nonostante questo contrasto apparente di una ragion pratica con se stessa, il sommo bene è il fine necessario e supremo di una volontà moralmente determinata, un vero oggetto di essa; poiché esso è praticamente possibile, e le massime della volontà, le quali quanto alla loro materia si riferiscono a quest’oggetto, hanno realtà oggettiva, che fu còlta in principio mediante quell’antinomia nel legame della moralità con la felicità secondo una legge universale, ma per semplice equivoco, perché si considerò la relazione tra fenomeni come una relazione della cose in sé con questi fenomeni.

    RispondiElimina
  25. Credo che la felicità e la virtù sono due sentimenti che possono coincidere. Si può essere felici anche essendo virtuosi. Come diceva Epicuro per essere felici basta solo soddisfare i beni primari come mangiare bere o dormire e non occorre vestirsi in modo elegante o mangiare cose raffinate. Inoltre penso che per essere felici occorre essere tranquilli ed avere una pace interiore per affrontare con tranquillità i momenti dolorosi.

    RispondiElimina
  26. Se dovessimo fare un paragone bigalato tra la poetica nutritana di ARISTOTELE,lo scalpellamento di SOCRATE e e il bunga bunga di berlusconi,cosa rispondereste?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'eros delle cinque finferle di platone

      Elimina
  27. Come trazione anteriore della supercazzola bitumata ?!

    RispondiElimina
  28. Virtù è il contrario di vizio; quindi, buone qualità, buone attitudini, rettitudine morale e di giudizio. Penso che al giorno d'oggi virtù e felicità sono due condizioni complementari:chi vive una vita basata sulla ricerca della virtù,sicuramente sarà in una condizione di felicità e serenità.

    RispondiElimina
  29. PERCHE TRAZIONE ANTERIORE E POSTERIORE DANNO UNA 4 X 4

    RispondiElimina
  30. leccisottiiiiii mmmmmmmmmmmm

    RispondiElimina
  31. sicuramente la virtù è migliore della felicità

    RispondiElimina
  32. fortugno non te la ruba nessuno la rossa golosa di cicelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GIUSEPPE DI LASCIA, NON TE LA SENTIRE. EVITA

      Elimina
    2. GIUSEPPE HA LIOCE CHA CHA CHA

      Elimina
  33. carella ti lasciamo in autogrill!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti lasciamo ti lasciamo ti lasciamo in autogrill!!

      Elimina
  34. "i soldi non fanno la felicità".... cit. un cretino

    RispondiElimina
  35. Secondo me la virtù e la felicità possono coincidere perché si può tranquillamente essere virtuosi e allo stesso tempo felici. Perché per diventando virtuosi si è felici.

    RispondiElimina
  36. La felicità spesso corrisponde alla presenza di beni materiali, ma questa corrispondenza è del tutto sbagliata. La felicità è un sentimento, quindi corrisponde ad un altrettanta cosa astratta, il bene di un amico, o l'amore del proprio fidanzato/fidanzata... e come si dice, i soldi non fanno la felicità

    RispondiElimina
  37. leccisottti poco ricotta a martino...in gita non c è ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giuse smettila che sei ridicolo

      Elimina
    2. ahahahha sei simpatico oh ! :D nasconditi dietro l'anonimo

      Elimina
    3. DI LASCIA GIUSEPPE IL MAGNIFICO13 aprile 2013 11:22

      OH NON SONO IO....AVETE ROTTO

      Elimina
  38. Il significato del ragionamento kantiano è il seguente: il desiderio di felicità non può mai essere la causa della virtù, altrimenti questa sarebbe finalizzata ad uno scopo diverso dalla virtù stessa e non sarebbe morale. Che la virtù, perseguita in modo disinteressato, determini la felicità non è possibile nell’ambito fenomenico, della causalità fisica, ma non possiamo escludere che tale legame venga stabilito in ambito noumenico, da Dio. In questo caso, infatti, la virtù è perseguita autonomamente, senza essere indirizzata a un fine eteronomo. In altri termini, non mi comporterei moralmente se lo facessi per meritare la felicità, ma posso aspettarmi che alla virtù debba corrispondere la felicità. Questa corrispondenza non può essere assicurata dall’ordine fisico della causalità, per cui devo postulare l’esistenza di un essere onnipotente e giusto che la garantisca. In ultima analisi, quindi, la virtù dà la felicità, anche se non deve essere seguita in vista di questo fine. La morale kantiana è comunque una morale del dovere: dobbiamo conformare la volontà (l’intenzione) alla razionalità della norma. La felicità fa seguito alla morale, non la determina e non ne rappresenta l’aspetto principale.

    RispondiElimina
  39. Come sappiamo la felicità è la capacità di ogni essere umano di raggiungere il piacere interiore, molte volte attraverso azioni imprudenti o sbagliate(uso di alcool,droga o altre sostanze stupefacenti soprattutto per i giovani).Attraverso la virtù,che secondo gli stoici è il risultato del conseguimento dell'apatia cioè della liberazione dalle passioni,è possibile raggiungere la felicità. Quindi,a mio parere,la felicità e la virtù sono strettamente correlate in quanto attraverso la virtù è possibile raggiungere la felicità. Sinteticamente, è possibile raggiungere la felicità attraverso il mezzo della ragione.

    RispondiElimina
  40. Io credo che nella vita sia le virtù che la felicità siano necessari per tutti gli esseri umani: senza questi valori infatti la vita sarebbe vuota.Inoltre penso che dalle virtù derivi automaticamente la felicità perché per essere felice bisogna prima stare bene con se stesso.

    RispondiElimina
  41. leccisoooooooo n t abbusck nind!

    RispondiElimina
  42. NUNZIA CHE LA DA IN GITA A 1.000001

    RispondiElimina
  43. ma che vuole steven segal

    RispondiElimina
  44. MARTINO... UN TUFFO IN PISCINA?

    RispondiElimina
  45. Ma è ubriaca ... nono non capisce niente ...

    RispondiElimina
  46. martino sei bagnato

    RispondiElimina
  47. Martino Vieni in gita... in tutti i sensi!!

    RispondiElimina
  48. SI E BAGNATO MARTINO

    RispondiElimina
  49. va a a fa i gar d atletic tu!

    RispondiElimina
  50. elsiiignignignignignigni

    RispondiElimina
  51. occhio che qualcuno si mangia la mano

    RispondiElimina
  52. EL SHAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA 922222222... ACCIAFF CO CACCAVELL...

    RispondiElimina
  53. LE PALLE ABBOTTATE DI MARTINO

    RispondiElimina
  54. ho la mano tutta mangiata

    RispondiElimina
  55. Giuseppe Di Lascia13 aprile 2013 11:27

    Se faccio le flessioni trovo il petrolio ;)

    RispondiElimina
  56. mi dicono che in classe se la sentono un po'

    RispondiElimina
  57. mICHELE BIMINI13 aprile 2013 11:28

    IN GITA CHI ME LA DA?

    RispondiElimina
  58. alessandro carella13 aprile 2013 11:29

    La felicità è data dalle piccole cose. Per me la felicità infatti non deriva dalla ricchezza, ma da momenti di serenità e gioia trascorsi in compagnia delle persone care che ogni giorno riempono le nostre giornate.

    RispondiElimina
  59. Michele Bimini13 aprile 2013 11:33

    Secondo me la ricerca della felicità epicurea può convivere con il comportamento virtuoso consigliato dagli stoci. Infatti trovando un equilibrio fra le due correnti di pensiero si può vivere più felicemente. Il conseguimento dell'apatia, quindi il distaccamento da passioni terrene, e vivere la vita secondo saggezza può aiutare ad alleviare eventuali "dolori" e raggiungere quindi uno stato di felicità e di pace interiore.

    RispondiElimina
  60. Secondo me la felicità è prendere più di sei con la pistone

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari