Quale Dio dopo Auschwitz?

Schopenhauer non crede all'esistenza di Dio. La Storia dell'uomo è, difatti, caratterizzata dal predominio dell'irrazionale, che contrasta con l'idea di una Ragione Universale di tipo hegeliano, ma anche con l'ipotesi di un Dio Creatore. 

Davanti alle grandi tragedie, se Dio fosse davvero esistito, non avrebbe potuto rimanere in silenzio. Pensiamo, ad esempio, ad Auschwitz. Anche volendo giustificare il silenzio di Dio con la libertà di scelta dell'uomo, che dotato di arbitrio, può decidersi ad operare per il male, rimane il grande dubbio sull'idea di un Dio, Padre Buono. 

Difatti, è pur vero che un genitore amorevole non obbliga il figlio ad adottare un comportamento esclusivamente rivolto al bene morale, preferendo lasciarlo libero di decidere personalmente cosa fare della sua stessa vita. Ma fino a che punto si può ipotizzare l'inazione di un padre che ama suo figlio? Pur lasciandolo libero di scegliere, nella sua dignità di uomo, è senza colpe un genitore che assiste al suicidio del proprio figlio nell'assenza totale di conforto, decisione, azione e parola? 

Fino a che punto un padre può rimanere in silenzio immobile davanti al tentativo del proprio figlio di togliersi la vita? E se non può stare in silenzio un genitore umano come avrebbe potuto restare in silenzio Dio Padre davanti ai crimini contro l'umanità commessi durante l'Olocausto? 

Queste considerazioni portano molti a ripensare la reale esistenza di Dio, e alcuni anche a negarla del tutto, ponendosi la domanda "Quale Dio dopo Auschwitz?"

Commenti

  1. la domanda da porsi non è quale dio dopo Aushwitz !! bisogna considerare la presenza di DIO sempre in tutte le sue forme , come quando ad un matrimonio la sposa accetta il legame , nell'amore e nella malattia , cosi' noi uomini ci leghiamo a Dio nel bene e nel male !!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Credo che se Dio esistesse e dovesse intervenire ogni volta che l'uomo fa del male la storia dell'umanità sarebbe interrotta come l'interrogazione di un alunno impreparato

    RispondiElimina
  3. io penso che Dio ci lasci il libero arbitrio e con esso noi decidiamo cosa fare di noi, poi che siano giuste o sbagliate dipende solo da noi e non da Dio.

    RispondiElimina
  4. antonietta pistone29 gennaio 2013 12:44

    se foste genitori assistereste in silenzio assoluto all'omicidio o al suicidio di vostro figlio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono indeciso perche non vorrei mai vedere questa fine soprattutto s riguardasse mio figlio, ma il libero arbitrio serve proprio a questo, per darci la libertà di tutte le nostre azioni!

      Elimina
  5. Un cristiano direbbe semplicemente che esiste anche il demonio in quanto qnd Dio non c'è c'è il male. Infatti Hitler era un uomo corrotto dal male mentre quando sono intervenuti gli alleati a liberare i paesi sottomessi alla Germania dovrebbero rappresentare Dio

    RispondiElimina
  6. Bizzoca di quartiere29 gennaio 2013 12:47

    Ma o sono troppo bella! per me è la chiesa che mi fa bella io sono bellissima e un po' bellissima ma soprattutto bella!

    RispondiElimina
  7. Con l'olocausto il genere umano ha raggiunto il suo punto più bassso !! e sicuramente non a causa di dio , ma dell'uomo che nonostante migliaia di anni di convivenza civile sente il bisogno di dominare su un suo simile !!!! Se il mondo ha conosciuto un tale orrore la colpa non è sicuramente di DIO , ma dei suoi figli che non hanno compreso il reale messaggio !!!

    RispondiElimina
  8. antonietta pistone29 gennaio 2013 12:52

    Qualche anno fa sull'allora laboratorio didattico di Filoistoriando abbiamo discusso con i vostri compagni questa lettera di Edith Stein a Papa Pio XI sul silenzio della Chiesa in merito all'Olocausto http://filoistoriando.blogsome.com/2009/01/27/edith-stein-e-pio-xi-lettera-sul-nazismo/
    Leggetela anche voi. Cosa ne pensate?

    RispondiElimina
  9. Ponendo l'esistenza di Dio come effettiva , dobbiamo comunque considerare che l'uomo è dotato di libero arbitrio ( come dicono anche gli scritti sacri) , e che Dio non può intervenire direttamente sull'operato degli uomini. L'olocausto non può essere considerato come prova della non esistenza di un dio , ma come punto di partenza per una riflessione teologia e storica. La storia è stata segnata col sangue , homo homini lupus. Gli avvenimenti di Auschwitz sono semplicemente il punto più alto ed evidente della bestialità umana. L'uomo è e sarà sempre una bestia , che risponde alle leggi della natura. Ma se l'uomo è un animale e Dio non può influire sulle scelte degli uomini , è possibile considerare la non esistenza di dio?
    è impossibile dare colpe a Dio per ciò che è accaduto. La cattiveria dell'uomo è la chiave di volta delle religioni , mi spiego , se nessuno fosse cattivo , e di conseguenza fossimo tutti buoni , non avremmo bisogno di un Dio.
    Io sono dichiaratamente Ateo , ma il mio ragionamento non è volto a dimostare la non esistenza di dio , capiamoci. Ognuno ha le sue idee.

    pace e bene , buona giornata.
    MARCO SCOPECE

    RispondiElimina
  10. perchè Dio è Dio

    RispondiElimina
  11. lovettino bizzochino29 gennaio 2013 13:04

    Giusy diciamolo al mondo che abbiamo una relazione segreta! io ti amo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamolo che stiamo insuieme da almeno 3 anni ! basta scrivo la verità scrivo il mio nome

      Elimina
  12. antonietta pistone29 gennaio 2013 13:04

    Abbiamo letto la lettera di Edith Stein a Pio XI sul silenzio della chiesa; abbiamo ascoltato il monologo "Io non so odiare" al Teatro del Fuoco stamattina. Quali riflessioni vi suscitano i pensieri sull'Olocausto?

    RispondiElimina
  13. Il buddhismo a mio modo di vedere potrebbe essere una soluzione

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari