La Costituzione

Aristotele nella Politica sostiene la politeia come la migliore forma di governo. La politeia è il saggio governo dei molti, in cui i cittadini liberi siano sovrani, perché uguali tutti davanti alla legge. Esiste giustizia, difatti, per Aristotele solo nel rispetto della legge scritta. E la prima legge scritta dello stato è la Costituzione. La politeia garantisce inoltre, allo stesso modo, i diritti dei più ricchi e quelli dei più poveri. Mentre la democrazia, che ne rappresenta la degenerazione, salvaguarda indebitamente i diritti dei più poveri nei confronti dei più ricchi.


La nostra Costituzione ribadisce, all’articolo 1 “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”.

Commentate l’articolo 1 in riferimento alla contemporaneità e al pensiero espresso da Aristotele nella Politica.

Commenti

  1. La sovranità in Italia in realtà non appartiene al popolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. appartiene ai rappresentanti del popolo..

      Elimina
    2. i quali però non rappresentano affatto la volontà popolare.

      Elimina
    3. Anonimo: quindi tu contesti l'uso della democrazia indiretta mi pare di capire...ma credi che si potrebbe andare ancora a votare direttamente, come facevano gli antichi greci per ogni questione? Non siamo un po' troppi?

      Elimina
  2. I politici pensano sempre a loro interesse più che al quello del popolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo perchè hanno un sacco di soldi e vivono bene..

      Elimina
    2. Sfociamo nell'ovvio e nel palese!

      Elimina
  3. riguardo il primo articolo della coastituzione italiana, io credo sia un concetto molto importante. Inoltre pero' bisogna dire che questo articolo nn è seguito perfettamente alla lettere perche cmq attualmente la sovranita' nn appartiene al popolo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è attualmente però la migliore forma di governo esistente, bisogna accontentarsi

      Elimina
    2. Infatti la nostra è una democrazia INDIRETTA

      Elimina
    3. Perché la sovranità non appartiene al popolo?

      Elimina
    4. Ernesto 'Che' Guevara20 settembre 2012 10:54

      No. Viva la revoluciòn!

      Elimina
    5. la sovranità appartiene al popolo, ma molto spesso non la sa gestire

      Elimina
    6. Perchè? Perchè la politica di oggi è basata sul /interesse proprio/ di ogni politico! Più che dei problemi dello stato ognuno pensa a se stesso!

      Elimina
    7. Alexandra: secondo te oggi sono davvero rispettati i principi della democrazia, o no?

      Elimina
  4. Francesco D'Elia20 settembre 2012 10:53

    L'articolo 1 si rifà al pensiero di Aristotele,i tratti sono comuni e si può stabilire un rapporto tra loro. Il problema è il rapporto con la contemporaneità,non sempre c'è giustizia,che si tratti di legge scritta o uguaglianza davanti la legge.

    RispondiElimina
  5. CHISSA' QUANDO IL PRIMO ARTICOLO VERRA' SEGUITO ALLA LETTERA! ! ! CON LA POLITICA DI ADESSO FORSE TRA ... 10-15 ANNI..O FORSE MAI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il primo articolo NON VERRA MAI RISPETTATO!

      Elimina
    2. Perché in fin dei conti l'unico modo per dare veramente il potere al popolo è la democrazia diretta che però è impraticabile.

      Elimina
  6. Tutti: molti vostri commenti ripetono il ritornello che di fatto la sovranità non appartiene al popolo. Perché pensate questo? Potete specificare meglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè con tutti i problemi che ci sono lo stato mica va a diminuire lo stipendio dei più ricchi , va a colpire sempre le medie famiglie o anche le più povere!!! Ci sono molti fattori per dimostrarlo quindi i gesti e quello che succede al giorno di oggi lascia tutto /aperto/ ,senza che noi facciamo troppi commenti!

      Elimina
    2. Perchè per instaurare una reale democrazia dovremmo chiedere ad ogni singolo cittadino.. non lasciandosi rappresentare dai singoli.

      Elimina
    3. perché la volontà popolare non viene rispettata dai cosiddetti rappresentanti del popolo.

      Elimina
    4. Perché spesso e volentieri coloro che rappresentano il popolo pensano in primis ai loro interessi, curandosi ben poco dei desideri dei cittadini.

      Elimina
  7. Io penso che il pensiero di Aristotele non può essere paragonato alla Costituzione... Aristotele ha vissuto in un momento davvero troppo diverso da quello in cui viviamo oggi... In ogni caso penso che avrei preferito vivere al tempo di Aristotele che al tempo di Maria De Filippi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che il pensiero di Aristotele non può essere paragonato alla Costituzione... Aristotele ha vissuto in un momento davvero troppo diverso da quello in cui viviamo oggi... In ogni caso penso che avrei preferito vivere al tempo di Aristotele che al tempo di Maria De Filippi...

      Elimina
    2. Davide: Aristotele parlava della politeia, ossìa del governo di tutti, ricchi e poveri, senza alcuna discriminazione a favore dei ricchi, ma nemmeno dei poveri...

      Elimina
    3. Io penso che il pensiero di Aristotele non può essere paragonato alla Costituzione... Aristotele ha vissuto in un momento davvero troppo diverso da quello in cui viviamo oggi... In ogni caso penso che avrei preferito vivere al tempo di Aristotele che al tempo di Maria De Filippi...

      Elimina
    4. Cosa hai contro Maria de Filippi?

      Elimina
    5. Anonimo: Maria de Filippi non è l'argomento della nostra conversazione...

      Elimina
    6. Si ma secondo me il governo di tutti, nel suo vero senso, è un concetto che la mente umana non è capace di praticare... Almeno per adesso...

      Elimina
  8. Paradossalmente, secondo il modello di Aristotele, la democrazia non e' completamente conforme all'idea di giustizia.
    Inoltre se la politeia e' il saggio governo di molti, la democrazia essendo il governo del popolo non puo' comprendere sempre solo elementi definiti saggi.
    Credo che la politeia sia una forma di governo da ammirare poiche' ha come punti cardine la giustizia generale (indipendentemente dalla posizione economica) e il mantenimento di uno stato previdente e saggio (se i singoli elementi che lo formano sono saggi, allora lo stato di conseguenza sara'tale).

    RispondiElimina
  9. Io penso che il pensiero di Aristotele non può essere paragonato alla Costituzione... Aristotele ha vissuto in un momento davvero troppo diverso da quello in cui viviamo oggi... In ogni caso penso che avrei preferito vivere al tempo di Aristotele che al tempo di Maria De Filippi...

    RispondiElimina
  10. Il governo dovrebbe appartenere ai più intelligenti e capaci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione!

      Elimina
    2. Nigro: e come li scegliamo i più intelligenti e capaci?

      Elimina
  11. VIVA BERLUSCONI!

    RispondiElimina
  12. Vladimir Luxuria20 settembre 2012 11:02

    Credo che la politica degeneri sempre di piu

    RispondiElimina
  13. Francesco D'elia20 settembre 2012 11:02

    Nn credo che Aristotile sia nato.

    RispondiElimina
  14. io nn penso nulla

    RispondiElimina
  15. Tutti: Aristotele però parlava già di sovranità popolare, anticipando di molti secoli il primo articolo della nostra Costituzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. primo articolo che di nome è così ma di fatto i suoi valori attuali sono stati cambiati e resi vani dall'incapacità di chi governa..forse al tempo di Aristotele questa politica funzionava davvero in modo corretto,ma ora la sovranità non appartiene più a tutti..e questo perchè chi governa pensa per se stesso,non in riferimento a tutti..

      Elimina
  16. Aristotele ha dato le basi per un governo piuccheperfetto.

    Roberta sei bella!!!

    RispondiElimina
  17. Siamo stupidi

    RispondiElimina
  18. Dio ma che libro di grammatica utilizzano alcuni???

    RispondiElimina
  19. E chi è Aristotele?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un filosofo , in che mondo vivi? sotto terra

      Elimina
  20. Si, si può dire che Aristotele era già avanti con il pensiero..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si però siamo ritornati noi indierto , o almeno la nostra politica per alcuni aspetti!

      Elimina
    2. Anonimo: bella riflessione, vogliamo esplicitarne il pensiero? In cosa Aristotele era più avanti di noi? In quali elementi siamo tornati indietro?

      Elimina
  21. Si sono davvero bella

    RispondiElimina
  22. FATE PRIMA A NON SCRIVERE CHE AD /AFFERMARE/ CERTE COSE!

    RispondiElimina
  23. d'elia stai zitto

    RispondiElimina
  24. Francesco D'Elia20 settembre 2012 11:10

    Salvato è un difensore troppo forteeeeeeeee!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leonardo e Ancelotti20 settembre 2012 11:12

      Abbiamo deciso di offrirgli un contratto da 15M di € all'anno netti.

      Elimina
    2. Accetto volentieri.

      Elimina
    3. Il posto di autista è mio !

      Elimina
    4. No. Tu devi giocare con noi all'interclasse.

      Elimina
    5. Dora l'esploratrice20 settembre 2012 11:16

      Smettetela e piuttosto ditemi dov'è il mare.

      Elimina
    6. Gennaro l'esploratore20 settembre 2012 11:18

      Siponto è più vicino di quanto pensi..

      Elimina
    7. Tanto vinciamo lo stesso perché io faccio 74 gol a partita.

      Elimina
  25. Francesco D'Elia20 settembre 2012 11:11

    Aristotele ha colto nel segno il modello ideale per uno stato che possa perdurare nel tempo, e credo che sia anche uno stato che possa essere istituito ai giorni nostri.
    La completezza del suo pensiero e l'ideale di liberta' hanno formato uno stato che per alcuni aspetti supera di gran lunga l'idea di democrazia odierna.

    No un attimo; non sono cosi' intelligente.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco: ritieni che sia possibile la politeia di Aristotele anche oggi? Pensi che sia già una realtà o ancora una mera utopia?

      Elimina
  26. Francesco D'Elia: Almeno Aristotele pensava ad uno stato guidato in maniera /popolare/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco D'Elia20 settembre 2012 11:17

      In maniera popolare, ma da un colletivo di persone sagge.

      SALVATO TOO MAINSTREAM.

      Elimina
  27. SMETTETELA SEMBRA DI STARE IN MEZZO AL MERCATO /VIRTUALMENTE PARLANDO/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vendo mele, pere, banane, pesche ecc. a prezzi convenientissimi.

      Elimina
  28. Io penso che la Politeia di Aristotele sia giusta, cosi come il primo articolo della costituzione, il problema è che oggi sono troppi i favoritismi e le raccomandazioni per le persone ricche o che hanno conoscenze nel campo che a loro interessa, per cui non sempre il governo è di tutti, ricchi e poveri, senza alcuna discriminazione a favore dei ricchi.

    RispondiElimina
  29. Penso che sia molto utile al tempo di oggi, pero purtroppo è e restera solo un grande utopia

    RispondiElimina
  30. Questo laboratorio è davvero interessante...

    RispondiElimina
  31. Mi piacciono le polpette al sugo

    RispondiElimina
  32. resterà solo un ideale di Aristotele

    RispondiElimina
  33. Musica commerciale20 settembre 2012 11:17

    Escape from monkeys è bellissima...e molto commerciale!

    RispondiElimina
  34. Mi piace la banana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 8================D ti amo

      Elimina
    2. Meglio una banana oggi, che Nunzia domani.

      Elimina
    3. Nunzia basta co sta storia, non fai neanche più parte della classe.

      Elimina
  35. Non è vero mi vergogno ad ammetterlo ma amo le polpette al sugo

    RispondiElimina
  36. Io penso che la popolazione mondiale sia all'80% intelligente... Ma c'è chi la sa usare e chi invece no... E finchè ci sono persone che non hanno quel minimo di consapevolezza per trovare l'equilibrio... La democrazia sarà sempre qualcosa che non verrà mai intesa nel suo vero senso... La colpa è anche dei politici, ma anche di molti cittadini che sono ignoranti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo rimarrà per sempre un'utopia.

      Elimina
  37. Tutti: se ritenete che l'attuale democrazia sia discriminante nei confronti dei ricchi in che cosa, di preciso, pensate che ponga in essere tali forme di difformità? Insomma, sapete fare qualche esempio pratico, a proposito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'attuale, in senso pratico, non discrimina assolutamente i ricchi.

      Elimina
    2. tutti: la stessa domanda è valida anche per la parte povera della società. Ritenete che ci siano delle leggi che mettono in posizione di eccessivo vantaggio i poveri sui ricchi? Quali sarebbero secondo voi?

      Elimina
    3. Esempio ? Vanno sempre a togliere msoldi gagli stipendi degli operai e dalle pensioni degli anziani quando il governo non può più sostenere tutte le spese!

      Elimina
    4. Secondo me cercare di creare una democrazia vera è solamente un utopia ma dovremmo cercare di migliorare ciò che abbiamo iniziando soprattutto con la lotta all'evasione fiscale.

      Elimina
    5. Anonimo: in che senso non discrimina?

      Elimina
    6. Francesco D'Elia20 settembre 2012 11:21

      Ritengo che l'attuale democrazia sia a favore dei ricchi. Basti pensare ai tagli della scuola pubblica in favore delle scuole private.

      Elimina
    7. soldi dagli* scusate

      Elimina
    8. la democrazia è discriminante nei confronti dei pochi, se i ricchi sono in minoranza(come lo sono), è normale che non avranno molto potere decisionalea livello di voti

      Elimina
    9. Qualsiasi forma di governo, concettualmente giusta, è utopica in senso pratico, tutte sono basate su persone che agiscono in modo giusto e concerne ad una vita sociale, cosa inattuabile in senso pratico.

      Elimina
  38. Tutti: cosa dovrebbe cambiare per voi per realizzare una vera democrazia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il popolo, la gente.

      Elimina
    2. Francesco D'Elia20 settembre 2012 11:24

      Equilibrio tra ricchi e poveri,ad esempio

      Elimina
    3. Molti più interessi per il popolo ... E' il benestare di noi tutti che conta...Rispettare al 100% il 1 articolo della costituzione!!!

      Elimina
    4. Il pensiero con cui si sale al governo: Meno egemonia, ricchezza e potere personale, ma fare il bene per tutta la comunità e quindi anche per se stessi

      Elimina
    5. La mentalità tipica degli italiani, soprattutto quelli del sud.

      Elimina
    6. Cambiare noi stessi per poi cambiare la democrazia... Il cambiamento deve partire dalla massa... Per poi arrivare agli uomini di politica... è una reazione a catena...

      Elimina
    7. il problema di base è che molti pensano che l'individuo non faccia parte della collettività... finché si penserà che i propri interessi siano sciolti da quelli della società in un certo senso l'individuo stesso non otterrà dei reali benefici, non una società con cui potersi confrontare

      Elimina
  39. Penso che la democrazia del giorno d'oggi sia andata a donne di facili costumi quando Michael non è stato salvato dalla nomination del Grande Fratello 9.

    RispondiElimina
  40. Che scempietti non rispettate il mio nome e non rispettate neanche l'ideale di stato che ho contribuito a formare.

    POLITEIA STATE OF MIND.

    RispondiElimina
  41. L'avere a capo del nostro governo persone oneste e capaci di garantire allo stato una democrazia pulita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. INTELIGENZA E BUON'ANIMO ALLO STESSO TEMPO! IMPOSSIBILE!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari